martedì 15 settembre 2009

Unknown


A volte capita di sentirsi inconsistenti, impercettibili in una realtà a noi distante e soprattutto ci si comincia a chiedere cosa si vuole veramente dalla vita (se così può definirsi). Tutto ciò che si fa acquista un valore pari a zero, non si provano più emozioni, o quelle che si provano sono elementi di una facciata creata per gli altri, per "socializzare", quando in realtà dentro non si sente nulla, anche se in un determinato momento un'emozione può apparire quanto più vera possibile.

Dicono che ogni persona è speciale e forse è vero, ma ci si chiede a cosa serve essere speciali. Porta vantaggi? Può darsi, ma quando vivi in una condizione di disillusione e apatia, neanche se sei la persona più fortunata al mondo te ne rendi conto. Ma anche in momenti simili, esiste qualcosa che spinge, che quasi picchia l'essere umano e tenta di risvegliarlo: l'orgoglio. Forse è l'unica cosa che rende davvero forte il fragile essere umano, qualunque cosa si fa, alla fine la si fa per orgoglio. Inoltre credo che sia proprio l'infelicità a rendere orgogliosi. Provi dolore, ma subito dopo ti rendi conto che il dolore non può sopraffarti, altrimenti perdi e allora la mente (anche lo spirito) umana attiva un meccanismo che introduce quell'elemento accennato pocanzi.

Chiudo il discorso citando 2 pezzi di canzoni a me care e significative a mio modestissimo parere.


"Un'altra volta urlerai soltanto per un'altra possibilità di scappare da tutta questa pazzia, un'altra possibilità per essere liberato da questa tristezza e un'ultima volta per essere l'unico a capire. La mia anima e il mio spirito andranno avanti, per tutta l'eternità."


"Sentiamo il dolore di una vita persa in migliaia di giorni, attraverso il fuoco e le fiamme andiamo avanti."


Mi scuso con i lettori (ma quali?) per la mia prolissità e come si dice in questi casi "Che lo show continui!".



PS: il disegno è una specie di riempitivo, nulla di significativo.

10 commenti:

Laura ha detto...

Hai taccato le corde della mia anima con queste parole...

Io ho letto.

robus2 ha detto...

Grazie, compagna (non in senso comunista del termine). :)

Alisandro ha detto...

passerà....tutto cambia anke quando si pensa di non avere vie di uscita, presto o tardi una ragione la troverai, perkè alla fine si tratta di questo, l'uomo deve avere una ragione per vivere la sua vita con relativa serenità...penso ke lo strumento migliore ke sia mai stato donato all'uomo per raggiungere quello ke veramente desidera sia la pazienza. DROGATO!!!

Alisandro ha detto...

cmq per quanto riguarda il disegno....no funziona...non è proporzionato....non esiste nessuno uomo più grande della terra, figuriamoci una donna....e poi dietro la terra c'è lo spazio nerobluastro con le lucciole (stelle)...devi imparare ad osservare meglio la realtà!
Resti sempre un drogato!

Anubis ha detto...

mmm..sto diventando fan dell'umorismo di ale. XD. Il disegno mi piace. E anche la filosofia.

robus2 ha detto...

E' un uomo cmq....
E poi che c'entra quel mio piccolo problemino con delle sostanze particolari?

GiuliA - Giulijovska Pusciastova ha detto...

uhm, è un discorso troppo serio, per cui farò abilmente finta di rispondere senza farlo per dawero.
visto?
il disegno è molto figo assai, anche se la tizia che fuma non la condivido U_U

robus2 ha detto...

Non è una donna T_T

GiuliA - Giulijovska Pusciastova ha detto...

ah...

sei tu? XD

robus2 ha detto...

E che sono così magro?

No no, è un uomo qualsiasi.